02 Ottobre 2019

FERRARI TRA GLI ESPOSITORI DI AGRILEVANTE

A Bari, FERRARI scenderà in campo con la full line di macchine dedicate alle colture tipiche del bacino del Mediterraneo e una novità assoluta.

product image

Dal 10 al 13 ottobre alla Fiera di Bari si accenderanno i riflettori sulla kermesse biennale dedicata alla meccanica e alle tecnologie agricole, che nelle ultime cinque edizioni ha segnato un aumento costante di pubblico anche internazionale. I numeri dell’edizione 2017 sono stati di oltre 70.000 visitatori (+21% rispetto al 2015) e 3.200 operatori esteri (+26%) provenienti da 50 Paesi.

Conferma la sua presenza anche FERRARI che esporrà alcune macchine presentate in anteprima a EIMA 2018 e una novità assoluta.

Ad Agrilevante FERRARI esporrà i propri trattori isodiametrici che, per caratteristiche tecniche e allestimenti dedicati, si esaltano al lavoro nelle colture tipiche del bacino del mediterraneo.

I nuovi Cobram L65, motorizzati Kohler da 56 cv e Thor L80N, con motore Kohler 4 cilindri common rail da 75 cv, presentano una geometria progettuale compatta tipica di tutte le macchine del Gruppo BCS, assicurando elevate prestazioni tra uliveti, vigneti e frutteti, grazie al baricentro basso e ai raggi di volta contenuti. Con la serie Thor L80N la visibilità su carreggiata e ambiente circostante è ulteriormente migliorata grazie alla compattezza del nuovo cofano motore.

La novità per questa edizione è rappresentata dall’inversore elettroidraulico Easy Drive Premium, frutto della continua ricerca di innovazione portata avanti dal Gruppo BCS.

La gestione elettronica dell’inversione si sostituisce alla sequenza meccanica di azionamento del pedale del freno, seguito da quello della frizione per l’inserimento della marcia e, infine, dal suo rilascio. Con l’inversore, la modifica della direzione di marcia avviene semplicemente agendo su una leva posta sul volante: con un semplice movimento della mano, il trattore frena, cambia direzione di marcia e riparte, a tutto vantaggio della precisione e della dolcezza della manovra, riducendone anche i tempi.